saving form...
                                           
Air filters and rules E11.1  
Free technical programs - Visit the Homepage        
  Filtro a celle ondulate (pre filtro) classe G3 - EN 779/2002 G3    
              53.jpg            
52.jpg,Foto 03-mez_1.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M                  
(mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)
  400x500x48 1800 0,5 70 0,34 1,1                  
  400x625x48 2250 0,62 70 0,42 1,3                  
  500x500x48 2250 0,62 70 0,42 1,3                  
  500x625x48 2850 0,79 70 0,53 1,5                  
  287x592x48 1600 0,44 70 0,3 1,1                  
  490x592x48 2650 0,74 70 0,49 1,4                  
  592x592x48 3250 0,9 70 0,6 1,6                  
  400x500x98 2600 0,72 70 0,48 1,8                  
  400x625x98 3250 0,9 70 0,6 2             qv portata d’aria volumica nominale        
  500x500x98 3250 0,9 70 0,6 2             DPi caduta di pressione iniziale (± 10 Pa) alla portata qv      
  500x625x98 4050 1,12 70 0,75 2,3             Sf superficie filtrante          
  287x592x98 2300 0,46 70 0,4 1,7             M massa            
  490x592x98 3750 1,04 70 0,7 2,1               Perdita di pressione finale: 250 Pa        
  592x592x98 4600 1,28 70 0,85 2,5                            
                                               
  Filtro a celle ondulate (pre filtro) classe G4 - EN 779/2002 G4          
             
54.jpg
 
52.jpg,Foto 03-mez_1.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M      
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)      
  400x500x48 1.800 0,5 90 0,34 1,3      
  400x625x48 2.250 0,62 90 0,42 1,5        
  500x500x48 2.250 0,62 90 0,42 1,5      
  500x625x48 2.850 0,79 90 0,53 1,7      
  287x592x48 1.600 0,44 90 0,3 1,2      
  490x592x48 2.650 0,74 90 0,49 1,6      
  592x592x48 3.250 0,9 90 0,6 1,9      
  400x500x98 2.600 0,72 90 0,48 2      
  400x625x98 3.250 0,9 90 0,6 2,4      
  500x500x98 3.250 0,9 90 0,6 2,4 qv portata d’aria volumica nominale        
  500x625x98 4.050 1,12 90 0,75 2,7 DPi caduta di pressione iniziale (± 10 Pa) alla portata qv      
  287x592x98 2.300 0,46 90 0,4 1,9 Sf superficie filtrante          
  490x592x98 3.750 1,04 90 0,7 2,5 M massa            
  592x592x98 4.600 1,28 90 0,85 3   Perdita di pressione finale: 250 Pa        
                             
  Filtro a tasche classe F8 - EN 779/2002 F8    
                                         
  BxHxP qv qv DPi Sf M
66.jpg
67.jpg,Filtro a tasche F8.jpg            
  (mm) (-) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)              
  287x592x535 3 1250 0,35 140 2,2 1,5              
  287x592x535 4 1650 0,46 140 2,9 1,6              
  490x592x535 5 2100 0,58 140 3,7 1,8              
  490x592x535 6 2500 0,69 140 4,5 2              
  592x592x535 6 2500 0,69 140 4,5 2,3              
  592x592x535 8 3400 0,94 140 5,9 2,7              
  287x592x635 3 1250 0,35 120 2,6 1,6              
  287x592x635 4 1650 0,46 120 3,5 1,8              
  490x592x635 5 2100 0,58 120 4,4 2              
  490x592x635 6 2500 0,69 120 5,3 2,3              
  592x592x635 6 2500 0,69 120 5,3 2,5              
  592x592x635 8 3400 0,94 120 7,1 3              
                             
  numero tasche                                  
  qv portata d’aria volumica nominale                                
  DPi caduta di pressione iniziale ± (10% + 5 Pa) alla portata nominale qv            
   
  Sf superficie filtrante                        
  M massa                          
    Perdita di pressione finale: 250 Pa                                
                                         
  Filtro a tasche rigide classe M6 - EN 779/2012 M6    
             
55.jpg
56.jpg,Tasche M6.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M    
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)    
  592x287x287 1.700 0,472 60 9,3 2,5    
  592x490x287 2.700 0,75 60 14,5 3,6    
  592x592x287 3.400 0,944 60 18,5 4,5    
                 
  qv portata d’aria volumica nominale        
  DPi caduta di pressione iniziale ± (10% + 5 Pa) alla portata nominale qv    
  Sf superficie filtrante          
  M massa            
    Perdita di pressione finale: 250 Pa        
                 
                 
                 
                 
  Filtro a tasche rigide classe F8 - EN 779/2012 F8    
              58.jpg,57.jpg,Tasche F8.jpg                          
  BxHxP qv qv DPi Sf M                            
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)                            
  592x287x287 1.700 0,472 80 9,3 2,5                            
  592x490x287 2.700 0,75 80 14,5 3,6                            
  592x592x287 3.400 0,944 80 18,5 4,5                            
                                         
  qv portata d’aria volumica nominale                                
  DPi caduta di pressione iniziale ± (10% + 5 Pa) alla portata nominale qv                          
  Sf superficie filtrante                                  
  M massa                                    
  Perdita di pressione finale: 250 Pa Perdita di pressione finale: 250 Pa                                
                                         
                                         
                                         
                                         
                                         
  Filtro piano a pieghe profonde EPA classe E12 secondo EN 1822:2009 E12    
             
59.jpg
60.jpg,Filtro a pieghe profonde serie MINIPAK-H modello HMZ9 classe H13.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M    
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)    
  305x610x292 1.300 0,36 250 11 10    
  610x610x292 2.600 0,72 250 21 15    
  762x610x292 3.200 0,89 250 26 16    
  290x595x292 1.250 0,35 250 10 10    
  595x595x292 2.500 0,7 250 20 15    
                 
  qv portata d’aria volumica nominale        
  DPi caduta di pressione iniziale (± 20 Pa) alla portata nominale qv    
  Sf superficie filtrante          
  M massa            
    Perdita di pressione finale: 450 Pa                    
                 
   
                     
                                         
  Filtro piano a pieghe profonde HEPA classe H13 secondo EN 1822:2009 H13    
             
62.jpg,61.jpg,Filtro a pieghe profonde serie MINIPAK-H modello HMZ9 classe H13.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M    
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)    
  305x610x292 1.000 0,28 250 9,5 9    
  610x610x292 2.000 0,56 250 18 14    
  762x610x292 2.400 0,67 250 22 15    
  290x595x292 900 0,25 250 9 9    
  595x595x292 1.900 0,53 250 17 14    
                 
  qv portata d’aria volumica nominale        
  DPi caduta di pressione iniziale (± 20 Pa) alla portata nominale qv    
  Sf superficie filtrante          
  M massa            
    Perdita di pressione finale: 450 Pa        
                 
                 
                 
  Filtro piano a pieghe profonde ULPA classe U15 secondo EN 1822:2009 U15    
             
64.jpg
65.jpg,Filtro per flusso laminare serie MICROLAM modello LFD classe U15.jpg
   
  BxHxP qv qv DPi Sf M    
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (m2) (Kg)    
  457x457x68 335 0,09 140 6,3 3,5    
  610x305x68 300 0,08 140 5,5 4    
  610x610x68 600 0,17 140 11,3 7    
  610x915x68 900 0,25 140 16,9 10    
  610x1220x68 1.200 0,33 140 22,5 12    
  762x610x68 750 0,21 140 14,3 9    
                 
  qv portata d’aria volumica nominale        
  DPi caduta di pressione iniziale (± 20 Pa) alla portata nominale qv    
  Sf superficie filtrante                    
  M massa                      
    Perdita di pressione finale: 250 Pa                  
               
   
                   
                                 
  Filtro a tasche rigide a carbone attivo CA          
              69.jpg,70.jpg,68.jpg                                
  BxHxP qv qv Dpi Mf M                                  
  (mm) (m3/h) (m3/s) (Pa) (kg) (Kg)                                  
  592x287x290 2.100 0,583 50 3,1 5,5                                  
  592x490x290 3.400 0,944 50 3,6 8,5                                  
  592x592x290 4.250 1,18 50 4,4 9,5                                  
                                               
  qv portata d’aria volumica nominale                                      
  DPi caduta di pressione iniziale (± 20 Pa) alla portata nominale qv                                  
  Mf massa (peso) media filtrante                                      
  M massa                                          
    Perdita di pressione finale: 250 Pa                                      
                                               
               
Acronyms and definitions
                 
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
                   
  .
Classe filtro.jpg
   
Useful addresses and links  
ASHRAE  ASHRAE – l’American society of Heating, Refrigerating and Air-Conditioning Engineers (ASHRAE) è un organizzazione internazionale fondata per rendere più avanzate arti e scienze relative a riscaldamento, ventilazione, climatizzazione, refrigerazione e simili problematiche. Questo sito contiene informazioni, linee guida e standard per i professionisti HVAC&R e risorse per i membri ASHRAE.  
US Centers for Disease Control and Prevention  US Centers for Disease Control and Prevention – Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie  (CDC) è uno dei 13 settori del Department of Health and Human Services (HHS), che rappresenta l’agenzia principale del governo degli Stati Uniti per la protezione della salute e della sicurezza di tutti gli Americani e la fornitura di servizi fondamentali, specialmente per le persone che necessitano assistenza.   
World Health Organization  World Health Organization - La World Health Organization è l’Organizzazione Mondiale della Sanità fondata dalle Nazioni Unite.  
ISO International Standards Organization  ISO International Standards Organization - L’ISO (International Organization for Standardization) è il più grande sviluppatore di standard al mondo. ISO è una rete di organismi internazionali di 157 Paesi con un membro per ciascun Paese e un Segretariato Generale a Ginevra (Svizzera) che coordina l’intero sistema.  
The Institute of Environmental Sciences and Technology  The Institute of Environmental Sciences and Technology – L’Istituto di Scienze Ambientali e Tecnologia è una società internazionale fondata per: il controllo della contaminazione nei processi produttivi elettronici e farmaceutici; la progettazione, la verifica e la valutazione di apparecchiature commerciali e militari; le questioni di affidabilità dei prodotti associati ai sistemi militari e commerciali. Con “Ambientale” si definiscono: gli effetti sugli strumenti e sui macchinari in ambienti estremi, outdoor o indoor che si possono verificare in siti aerospaziali, navali e in diverse condizioni climatiche; la simulazione degli ambienti per prevedere e monitorare tali effetti; e il controllo degli ambienti in cui i prodotti vengono fabbricati, processati o testati.  
European Environment Agency (EEA)  European Environment Agency (EEA) – L’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) e i membri di EIONET (rete europea di informazione e osservazione ambientale) forniscono informazioni ambientali riguardo ad argomenti e servizi diversi al fine di localizzare velocemente relazioni rilevanti, schede informative, indicatori, data e link sull’ambiente in Europa.  
The European Committee for Standardization (CEN)  The European Committee for Standardization (CEN) – Il Comitato Europeo per la Standardizzazione (CEN) si occupa della stesura di specifiche tecniche per aiutare a raggiungere un singolo mercato europeo, promuovere il benessere dei cittadini e lo sviluppo sostenibile.  
US Environmental Protection Agency  US Environmental Protection Agency – L’agenzia USA per la tutela dell'ambiente (EPA) ha il compito di proteggere la salute umana e l’ambiente.  
REHVA  Federation of European Heating, Ventilating and Air-conditioning Associations - REHVA è la principale organizzazione professionale in Europa, dedicata al miglioramento della salute, del comfort e dell’efficienza energetica in tutti gli edifici e comunità. Essa promuove lo sviluppo e l’applicazione della conservazione energetica e delle risorse energetiche rinnovabili.  
Eurovent  Eurovent Certification – La Certificazione Eurovent rappresenta un passo avanti nella selezione dei prodotti e delle loro caratteristiche. Per l’utente finale, il prodotto scelto opera in conformità con il suo grado. Il costo del ciclo di vita è conforme alle previsioni. I materiali corrispondono ai vostri investimenti. Per i produttori, Eurovent Certification è la piattaforma comune dove la concorrenza avviene sulla base delle performance, a vantaggio dei progettisti e degli utenti finali.  
71.jpg F.C.R. SpA - Via E. Fermi, 3 - 20092 Cinisello Balsamo (MI) - Italy phone +39 02 61798 1 - fax +39 02 61798 300 - www.fcr.it - fcr@fcr.it  
83.jpg Camfil Italia - Via Induno 2, 20092 Cinisello B.mo (MI) - Tel. 02/66.04.89.61 | E-mail: info.it@camfil.com  
                   
EN 779/2012  
Il nuovo standard Europeo per i filtri per l’aria (EN779/2012) è entrato in funzione a marzo del 2012 e impone ai filtri un’efficienza di filtrazione minima (ME) per le classi F7, F8 e F9.   
Classificazione dei filtri (1)    
Gruppo Efficenza Perdita di Carico finale (Test) Pa  Percentuale di Media di Arrestamento di polvere sintetica (Am)  Percentuale di Efficenza Media (Em) per particelle di 0,4 μm  Percentuale di Efficenza Minima (2) per particelle di 0,4 μm   
Particelle grosse G1 250 50≤Am<65 - -  
G2 250 65≤Am<80 - -  
G3 250 80≤Am<90 - -  
G4 250 90≤Am - -  
Particelle medie  M5 450 - 40≤Em<60 -  
M6 450 - 60≤Em<80 -  
Particelle fini  F7 450 - 80≤Em<90 35  
F8 450 - 90≤Em<95 55  
F9 450 - 95≤Em 70  
NOTE                     
1) Le caratteristiche della polvere atmosferica possono variare notevolmente rispetto a quelle del carico di polvere sintetica utilizzato nei test. Per questa ragione, i risultati dei test non forniscono informazioni circa la performance operativa o la durata del filtro. La perdita di carico dei media o la perdita di particelle o fibre può anche influenzare negativamente l’efficienza.  
2) l’efficienza minima è il più basso tra i tre valori seguenti: efficienza iniziale, efficienza  dopo la perdita di carica elettrostatica o l’efficienza dopo l’accumulo di polvere come da procedura del test.  
             
EN 1822/2009
Questo standard europeo si basa sui metodi di misurazione delle particelle che soddisfano efficacemente la maggior parte delle esigenze in diverse applicazioni. Lo Standard EN 1822/2009 è diverso dallo Standard precedente (EN 1822:1998) in quanto comprende i seguenti elementi:
-       Un test alternativo per la valutazione delle perdite dei filtri del Gruppo H, diversi dai pannelli;    
-       Un test alternativo che utilizza gas solido anziché liquido;        
-       Un metodo di valutazione e classificazione dei filtri con media filtrante di tipo membrana;      
-       Un metodo di valutazione e classificazione dei filtri con media filtrante di tipo sintetico.      
La differenza principale è relativa alla classificazione dei filtri H10 – H12, che sono stati rinominati E10 – E12.  
La tabella seguente mostra le varie classificazioni di filtri ad alta efficienza secondo la normativa EN 1822/2009:  
  EN 1822/2009      
  Classe del Filtro Capacità Totale Capacità Locale      
  Efficienza % Penetrazione % Efficienza % Penetrazione %      
  E10 85 15 - -      
  E11 95 5 - -      
  E12 99,5 0,5 - -      
  H13 99,95 0,05 99,75 0,25      
  H14 99.995 0,005 99,975 0,025      
  U15 99,9995 0,0005 99,9975 0,0025      
  U16 99,99995 5E-05 99,99975 0,00025      
  U17 99,999995 5E-06 99,9999 0,0001      
                 
La normativa EN 1822/2009 classifica i filtri assoluti nel seguente modo:    
EPA 10 - EPA 12:  Efficiency Particulate Air Filters        
HEPA 13 - HEPA 14:  High Efficiency Particulate Air Filters        
ULPA 15 - ULPA 17:  Ultra Low Penetration Air Filters        
Il test                
Il test definito dalla normativa EN 1822 viene generalmente eseguito con una sonda spray che può essere spostata sull’intera superficie del filtro. Questo movimento della sonda permette di misurare l’efficienza in più posizioni. Queste efficienze locali possono essere utilizzate per calcolare l’efficienza complessiva del filtro o il grado di dispersione di una specifica zona del filtro. Il calcolo dell’efficienza complessiva viene spesso definito Capacità Totale, mentre il grado di dispersione è spesso definito Capacità Locale.
I test sono eseguiti su filtri nuovi a uno specifico flusso d’aria volumetrica nominale. I test sui filtri di efficienza U15 e oltre sono sottoposti una scansione per mezzo di una sonda appositamente progettata che misura le particelle. Per filtri H13 e H14 può essere utilizzato un test a olio.
Il test sui filtri comprende le seguenti misurazioni:        
1 - Perdita di carico a un flusso d’aria nominale          
2 - Efficienza totale a livello particelle più penetranti MPPS (Most Penetrating Particle Size)  
3 - Efficienza locale a livello MPPS            
4 - No perdite oltre l’efficienza H13 come specificato nella tabella in alto      
         
ISO 14644 - 1
La normativa ISO 14644 – 1 riguarda la classificazione della pulizia dell’aria nelle camere bianche e in altri ambienti con atmosfera controllata. La classificazione, conformemente a questo standard, si basa esclusivamente sulla concentrazione delle particelle sospese. Inoltre, l’unico tipo di particelle considerato per la classificazione deve avere una distribuzione cumulativa basata su una soglia che va da 0,1 µm a 5 µm.
ISO 14644 - 1
Numero di particelle per metro cubo con dimensioni in micron
  0,1 µm 0,2 µm 0,3 µm 0,5 µm 1 µm 5  µm
ISO 1 10 2        
ISO 2 100 24 10 4    
ISO 3 1.000 237 102 35 8  
ISO 4 10.000 2.370 1.020 352 83  
ISO 5 100.000 23.700 10.200 3.520 832 29
ISO 6 1.000.000 237.000 102.000 35.200 8.320 293
ISO 7       353.200 83.200 2.930
ISO 8       3.520.000 832.000 29.300
ISO 9       35.200.000 8.320.000 293.000
               
EN 13779/2007 
La normativa europea EN 13779 – 2007 mira al raggiungimento di un ambiente confortevole e salutare in tutte le stagioni dell’anno con costi d’installazione e funzionamento ragionevoli. Ad oggi è adottata come standard nazionale in tutti i Paesi europei. Essa specifica la performance di filtrazioni richiesta dal sistema al fine di ottenere una buona qualità dell’aria negli spazi interni (IAQ) in considerazione dell’aria esterna.
L’aria esterna è classificata secondo 3 categorie, dalla ODA 1, in cui l’aria è pura ad eccezione degli inquinanti temporanei come il polline, alla ODA 3, dove la concentrazione di gas e particelle è elevata. Con particelle sospese si indicano le particelle solide o liquide presenti nell’aria. Le line guida per maggior parte dell’aria esterna si riferiscono al PM10 (particelle con diametro fino a 10 μm). Ai fini della tutela della salute, c’è una crescente attenzione posta sulle particelle di dimensioni inferiori ai 10 μm. Con inquinanti gassosi si intendono le concentrazioni di CO2, CO, NO2, SO2 e COV (composti Organici Volatili).
La tabella sottostante indica i tipici livelli di concentrazione dell’aria esterna e suggerisce come classificare le qualità.
Classificazione della qualità dell'aria esterna Livello di concentrazione    
Descrizione della qualità dell'aria  CO2(ppm) CO NO2 SO2 PM10 Categoria dell'aria esterna
(mg/m2) (μg/m2) (μg/m2) (μg/m2)
Aree rurali senza fonti significative di inquinamento 350 <1 mag-35 <5 <20 ODA1
Piccole città 400 1 - 3 15 - 40 5 - 15 10 - 30 ODA2
Centri urbani 450 2 - 6 30 - 80 10 - 50 20 - 50 ODA3
                   
Si noti che nella maggior parte delle città, ciò che viene definito “livello di concentrazione normale” di particelle si trova al momento nella categoria superiore (qualità bassa) dell’aria esterna, vale a dire ODA2 o ODA3. Per quanto riguarda la materia particellare, la Word Health Organization (l’organizzazione Mondiale per la Salute) ha stabilito un target di PM10 annuale inferiore ai 40 μg/m3. Questo target non è ancora stato raggiunto. In altre parole, la maggior parte delle persone in Europa passano gran parte del loro tempo in aree in cui l’aria esterna viene classificata come ODA 2 o ODA 3. Si può facilmente concludere che l’utilizzo di un filtro adatto è fondamentale in termini di salute pubblica.
Il nuovo standard classifica la qualità dell’aria negli spazi interni da IDA 4 (bassa IAQ) fino a IDA 1 (alta IAQ). Un metodo tradizionale ma limitato per determinare la qualità dell’aria negli spazi interni è studiare i livelli di CO2. La CO2 è il prodotto della respirazione umana. È un buon indicatore dell’efficacia della ventilazione ma non della qualità dell’aria in generale. Un altro metodo per l’analisi degli spazi occupati dalle persone è quello di specificare il grado di aria esterna che una persona introduce. Valori di questo tipo vengono spesso utilizzati per classificare i sistemi di ventilazione. La tabella sottostante elenca i livelli tipici di CO2 e i flussi raccomandati di  aria esterna per raggiungere livelli diversi di qualità dell’aria negli spazi interni. Notare che nessuno di questi metodi prende in considerazione gli inquinanti particellari e gassosi introdotti negli edifici attraverso l’aria esterna.
                   
Classificazione della qualità dell'aria negli ambiente indoor (IAQ) Livello CO2 (ppm) in relazione all'aria esterna Flusso d'aria esterna (m3/h/persone)      
Categoria Descrizione Tipo di intervallo Tipo di intervallo, area non fumatori      
IDA 1 High IAQ < 400 > 54      
IDA 2 Medium IAQ 400 - 600 36 - 54      
IDA 3 Moderate IAQ 600 - 1000 22 - 36      
IDA 4 Low IAQ > 1000 < 22      
Indicazioni sui filtri secondo la normativa EN 13779          
Una volta classificata l’aria esterna, la normativa EN 13779 specifica chiaramente la classe di filtri richiesta per raggiungere il livello desiderato di qualità dell’aria negli spazi interni. Le classi dei filtri sono specificate in conformità all’ EN 779:2012. Lo standard EN 13779 dice chiaramente: quando si vuole raggiungere una qualità dell’aria negli spazi interni soddisfacente (IDA 1 o IDA 2) e ci si trova in un ambiente urbano, è necessario installare un filtro molecolare (GF) per la protezione dagli inquinanti gassosi (molecolari).
                   
Qualità dell'aria esterna  IDA 1(alta) IDA 2 (Media) IDA 3 (Moderata) IDA 4 (Bassa)
ODA 1 F9 F8 F7 M5
ODA 2 F7 / F9 M6 / F8 M5 / F7 M5 / M6
ODA 3 F7 / GF / F9 F7 / GF / F9 M5 / F7 M5 / M6
GF) filtro molecolare                



In un ambiente urbano è consigliato utilizzare un filtro molecolare (filtro a carbone). È anche una buona soluzione per un area classificata ODA 3. Il filtro dovrebbe essere combinato con un filtro antiparticolato di efficienza F8 o F9.
• Per motivi igienici, è consigliato usare due fasi di filtrazione particellare:  –Minimo M5, ma preferibilmente F7 nel primo stadio di filtrazione. –Minimo F7 ma preferibilmente F9 nel secondo stadio di filtrazione. –Se vi è un solo stadio di filtrazione, il filtro deve essere di efficienza minima F7.
• Nel sistema di ricircolo dell’aria, deve essere utilizzata un’efficienza minima M5 per proteggere l’ impianto. È preferibile utilizzare la stessa classe del filtro installato presso il flusso d‘aria principale.
• Per proteggere gli impianti di entrata e di uscita dell’aria, meglio utilizzare un’efficienza minima M5.
• Qualunque sia la classe dei filtri installati, l’efficienza non deve scendere sotto i valori stabiliti. È necessario prendere sempre in considerazione l’efficienza reale del filtro. Tale informazione si ottiene quando il filtro è testato secondo la normativa Europea EN 779-2012, che ha sostituito la EN 779-2002.
• La frequenza di sostituzione filtri non dev’essere decisa solo sulla base dell’ottimizzazione economica. Anche i problemi igienici devono essere presi in considerazione. Devono essere considerati tre limiti e la sostituzione avverrà quando uno di questi verrà raggiunto: perdita di carico finale, età dell’impianto e il tempo reale di esercizio.
per i filtri nel primo stadio di filtrazione: 2000 ore di esercizio o al massimo un anno dall’installazione o quando viene raggiunta la perdita di carico finale.
• per i filtri nel secondo o terzo stadio di filtrazione: 4000 ore di esercizio o al massimo due anni dall’installazione o quando viene raggiunta la perdita di carico finale.
• Per evitare la crescita dei microbi, l’impianto dovrebbe essere progettato di modo che l’umidità relativa (R.H.) rimanga sempre sotto il 90% e l’umidità relativa media per tre giorni sia sotto l’80% in tutte le parti del sistema, inclusi i filtri.
• La perdita di carico dei filtri molecolari non subisce cambi di pressione durante il loro normale esercizio. In assenza di una regola precisa all’interno della normativa EN 13779, si raccomanda di cambiare i filtri molecolari IAQ dopo un anno dall’installazione o dopo 5000 ore di esercizio.
     
  CLASSIFICAZIONE FILTRI secondo EUROVENT  
CLASSE DEL FILTRO EFFICIENZA INIZIALE PENETRAZIONE EFFICIENZA DI FILTRAZIONE  
SECONDO EUROVENT Ei % P %  
EU 10 95 £ Ei < 99.9 5 ³ P > 0.1 AS  
EU 11 99.9 £ Ei < 99.97 0.1 ³ P > 0.03 AS  
EU 12 99.97 £ Ei < 99.99 0.03 ³ P > 0.01 HEPA  
EU 13 99.99 £ Ei < 99.999 0.01 ³ P > 0.001 HEPA  
EU 14 99.999 £ Ei 0.001 ³ P HEPA  
EFFICIENZA INIZIALE (Ei %) Capacità di ritenzione % di particelle di diametro 0.3 mm filtro pulito  
PENETRAZIONE (P %) Penetrazione % di particelle di diametro 0.3 mm filtro pulito  
AS Alta efficienza  
HEPA High Efficiency Particulate Air  
   
                   
CLASSIFICAZIONE SECONDO FEDERAL STANDARD 209E
CLASSE LIMITE DI CLASSE
0.1 µm 0.2 µm 0.3 µm 0.5 µm 5 µm
Unità di volume Unità di volume Unità di volume Unità di volume Unità di volume
SI Inglese m3 ft3 m3 ft3 m3 ft3 m3 ft3 m3 ft3
M1   350 10 76 2 31 1 10 0    
M 1,5 1 1.240 35 265 8 106 3 35 1    
M 2   3.500 99 757 21 309 9 100 3    
M 2,5 10 12.400 350 2.650 75 1.060 30 353 10    
M 3   35.000 991 7.570 214 3.090 88 1.000 28    
M 3,5 100     26.500 750 10.600 300 3.530 100    
M 4       75.700 2.140 30.900 875 10.000 283    
M 4,5 1 000             35.300 1.000 247 7
M 5               100.000 2.830 618 18
M 5,5 10 000             353.000 10.000 2.470 70
M 6               1.000.000 28.300 6.180 175
M 6,5 100 000             3.530.000 100.000 24.700 700
M 7               10.000.000 283.000 61.800 1.750
     
LIMITI DI CLASSE SECONDO GMP
CLASSE a riposo in operatività
quantità massima ammissibile di particelle/m3 pari o superiore a
0.5 µm 5 µm 0.5 µm 5 µm
A 3 500 0 3 500 0
B 3 500 0 350 000 2 000
C 350 000 2 000 3 500 000 20 000
D 3 500 000 20 000 non definita non definita
                   
10339.jpg